0282958511
  • Tutta l'offerta Aira
  • Pompe di calore
  • Fotovoltaico
  • Offerta luce "Simply The Best Energy"
  • A proposito di Aira
  • News
  • Press kit
  • Contatti
  • Blog
  • Lavora con noi
Calcola il tuo risparmio0282958511
Aira Image
10 gennaio 2024

Nuovo report di Aira sul riscaldamento domestico: a gennaio milioni di italiani disposti a sopportare basse temperature in casa

Un nuovo report di Aira, società di tecnologie per il risparmio energetico, ha rilevato che milioni di italiani stanno considerando soluzioni di riscaldamento alternative, come le pompe di calore, per contrastare l'aumento dei costi dell'energia e il caro-vita. Le pompe di calore possono ridurre i costi energetici delle famiglie del 40% e le emissioni domestiche di CO2 di almeno il 75%. 

Un nuovo report di Aira, società di tecnologie per il risparmio energetico, ha rilevato che milioni di italiani stanno considerando soluzioni di riscaldamento alternative, come le pompe di calore, per contrastare l'aumento dei costi dell'energia e il caro-vita. Le pompe di calore possono ridurre i costi energetici delle famiglie del 40% e le emissioni domestiche di CO2 di almeno il 75%. 

Le tecnologie per l'energia pulita possono offrire una soluzione: circa il 20% degli italiani sta considerando l'installazione di una pompa di calore nel 2024 per ottenere riscaldamento efficiente e sostenibile.  

 

Milano – 10 Gennaio 2023. Nonostante le temperature in calo in tutto il Paese, il 63% degli italiani sceglie di abbassare il riscaldamento per tutto il mese di gennaio, mentre il 5% ha dischiarato che lo terrà completamente spento, in risposta alla stretta finanziaria, ai crescenti costi del riscaldamento e alle preoccupazioni ambientali.    

La tendenza emerge da un nuovo sondaggio sulle attitudini degli italiani commissionato da Aira, società svedese di tecnologie per il risparmio energetico. La ricerca ha rilevato che quasi la metà degli italiani (45%) prevede che la temperatura delle loro abitazioni sarà la più fredda mai registrata, poiché s’impegnerà a mantenere basso il riscaldamento domestico.  

La ricerca ha scoperto che questo fenomeno potrebbe durare a lungo nel 2024: oltre un quarto del campione analizzato (29%) afferma che manterrà in casa temperature più basse del solito fino a febbraio inoltrato, nonostante le prospettive di clima freddo e sebbene il 75% metta in conto di prendersi un raffreddore e il 72% prevede che si manifestino sintomi simil-influenzali.   

Tra le cause individuate alla base di questa scelta, le pressioni finanziarie sono risultate al primo posto, con il 73% dei partecipanti al sondaggio che indica i prezzi elevati dell'energia come apprensione principale e il 28% che evidenzia le preoccupazioni finanziarie personali come cause secondarie. Anche in considerazione del warning a livello globale per l'emergenza climatica, il 41% dei partecipanti al sondaggio è motivato da preoccupazioni ambientali, riconoscendo la necessità di decarbonizzare il riscaldamento residenziale, che è la terza fonte più grande di emissioni di CO2 in Europa.  

I dati dipingono un quadro di resilienza e adattabilità in un contesto di condizioni finanziarie difficili, con gli italiani che ricorrono a numerose strategie per rimanere al caldo senza alzare il riscaldamento. Il 56% è disposto a indossare calze aggiuntive, il 54% pantofole, il 47% una vestaglia e il 43% sceglie di indossare indumenti termici prima di accendere il riscaldamento. Inoltre, molti di coloro che stanno abbassando o spegnendo il riscaldamento affermano che indosseranno abiti da esterno, come un cappello (15%) e un cappotto (9%), per rimanere al caldo dentro casa.    

Un italiano su quattro (24%) ha dichiarato che spenderà meno in cibo nel 2024 per coprire i costi del riscaldamento, mentre il 37% spenderà meno in abbigliamento e il 31% sta riducendo le attività di svago. Nel frattempo, un altro 6% sta trascorrendo più tempo in spazi pubblici riscaldati come biblioteche e caffè per stare al caldo senza toccare il termostato di casa, e il 2% si sta trasferendo dalla propria famiglia per risparmiare sui costi.  

   

Le tecnologie per l’energia pulita possono fornire una soluzione  

 La ricerca di soluzioni alternative per il riscaldamento domestico sta crescendo rapidamente, con il 20% degli italiani che sta considerando l'installazione di una pompa di calore nel 2024 per ottenere riscaldamento efficiente e sostenibile nei prossimi anni.   

Le pompe di calore sono già la soluzione energetica domestica numero uno nei paesi scandinavi, come la Svezia, nota per i suoi rigidi inverni e che ha recentemente sperimentato temperature invernali record. Le pompe di calore forniscono energia pulita e affidabile per le case riducendo allo stesso tempo le emissioni di CO2 e le bollette del riscaldamento domestico.  

Nonostante ciò, 130 milioni di famiglie europee - di cui 20 milioni solo in Italia - utilizzano ancora caldaie a gas e petrolio per riscaldare le loro case: una pratica che costituisce il 12% delle emissioni italiane complessive di CO2. 

Martin Lewerth, CEO di Aira Group, ha dichiarato: "Questa ricerca è un forte richiamo al fatto che le famiglie continuano a contrastare i prezzi dell'energia in aumento e un’eccessiva dipendenza da combustibili fossili. In Aira crediamo che la soluzione sia l'elettrificazione del riscaldamento residenziale. Vogliamo rendere le pompe di calore accessibili e convenienti per tutti e offrire un piano all-inclusive con una tariffa mensile conveniente.    

Passare da una caldaia a gas a una pompa di calore aiuterà le famiglie italiane a risparmiare il 40% sulle bollette del riscaldamento e ridurrà le emissioni domestiche di almeno il 75% - percentuale che sale al 100% con energia pulita - senza richiedere alcun cambiamento nello stile di vita."  

– FINE–  

   

Nota metodologica: 

Ricerca condotta da Mortar Research per conto di Aira. Il sondaggio è stato compilato da un totale di 8.068 partecipanti su dispositivi mobili e desktop.  

Lo studio è stato condotto dal 13 al 20 dicembre 2023 ed è stato rivolto ad adulti nel Regno Unito, in Germania, in Spagna, in Italia e in Francia. Il campione era rappresentativo a livello nazionale per genere, età e regione. I diversi metodi di reclutamento utilizzati insieme alla combinazione di fornitori eliminano eventuali potenziali distorsioni da fonti singole.  

Sono incluse ricerche supplementari che utilizzano lo stesso campione del sondaggio condotte nel settembre 2023.  

   

Per ulteriori informazioni:  

Valentina Sierri, Social Media & PR Manager - email: valentina.sierri@airahome.com  

Ufficio stampa Italia: Image Buildingaira@imagebuilding.it +390289011300  

Aira 

Aira offre soluzioni clean energy-tech e mira a diventare il marchio numero uno in Europa con la formula direct-to-consumer. La società è stata fondata da Vargas a Stoccolma nel 2022 con la missione di consentire alle persone di unirsi alla rivoluzione dell'energia pulita, in ogni casa. Aira accelera l’elettrificazione del riscaldamento residenziale con una tecnologia intelligente di energia pulita per consentire il futuro a zero emissioni di cui tutti abbiamo bisogno. Con Aira, i consumatori di tutta Europa hanno a disposizione un fornitore di soluzioni complete per il risparmio energetico domestico, con al centro le pompe di calore intelligenti. Il modello di servizio e l’integrazione verticale di Aira consentono risparmi di consumo e una leadership di costo best-in-class.  

Per ulteriori informazioni: www.airahome.com/it-it 

Pompe di calorePompe di calorePompe di calore aria acquaBlogDomande frequenti

Utilizzo dei cookieNorme sulla privacyTermini e condizioniWhistleblowing
Facebook logotypeLinkedIn logotypeInstagram logotypeYouTube logotype

Aira Italia SpA a socio unico REA: AN - 286035 P.IVA 12611950960 C.S. € 7.000.000,00 i.v. Chiamaci: +39 028 2958511

©2024 Aira. Tutti i diritti riservati.️